giovedì 29 Febbraio 2024
Altro
    Home Economia aziendale Controverso inizio del Liceo del Made in Italy MI.

    Controverso inizio del Liceo del Made in Italy MI.

    Dopo l’approvazione lo scorso 20 dicembre della legge sul Made in Italy e al suo interno dell’art.18 che prevede un nuovo liceo del Made in Italy, dedicato a questo ambito culturale e professionale. Ma la confusione è grande sotto il cielo. L’iniziativa appare da un lato ambiziosa, dall’altro non chiara né al mondo della scuola né tantomeno alle famiglie dei ragazzi chiamati a scegliere in queste settimane quali corsi secondari superiori frequentare nel prossimo anno scolastico. Questo nuovo liceo al momento non è definito nel piano degli studi del triennio, nelle indicazioni relative ai programmi, nelle relazioni con il già esistente Liceo Economico Sociale, nella definizione di un carattere squisitamente liceale (e quindi corso teorico non terminale) o al contrario tecnico-professionale (quindi autosufficiente per le competenze acquisite nel corso del liceo e al massimo da completare con il biennio di un ITS Academy). Ma di tutto ciò ci sarà tempo per discutere in relazione ai regolamenti che andranno approvati. Certo è che questa situazione indefinita sta creando confusione nelle scuole, opposizioni pregiudiziali, numero assai ridotto di licei che attiveranno sin dall’anno prossimo il Liceo MI. Il Ministero dell’Istruzione e del Merito MIM si sta spendendo per diradare le nebbie. Con una nota del 28 dicembre 7fd238ae-c363-2aee-aae8-30318843a908 (miur.gov.it) ha chiarito che toccherà ai Licei Economici Sociali LES (ovvero alle Opzioni economico-sociali dei Licei delle Scienze Umane) chiedere agli Uffici competenti di attivare o meno il Liceo MI. La Rete nazionale dei Licei Economici Sociali ha ripreso questa nota con un suo testo  nota_rete_les_aggiornamento.pdf (liceoeconomicosociale.it), riassumendo che gli attuali LES potranno a. non fare nulla proseguendo con l’attuale percorso LES b. chiedere di sostituire le loro attuali classi prime LES con un identico numero di classi prime del Made in Italy c. all’interno delle stesso numero delle attuali prime LES, prevedere la convivenza di nuove classi del Liceo MI e di classi LES. L’ipotesi che la maggior parte dei LES seguiranno la strada a. è la più probabile. Una discussione nel merito con tutti gli operatori scolastici, enti e stakeholder che da anni seguono l’educazione economica nella scuola italiana appare a questo punto assolutamente matura.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    ARTICOLI POPOLARI

    L’architetto e l’oracolo – Scuola e nuove forme del sapere

    1^ Webinar per il Concorso EconoMia Martedì 5 marzo 2024 h. 11 – 12 L’architetto e...

    AEEE e Forum ANIA insieme alla Global Money Week

    In occasione della Global Money Week, AEEE e Forum ANIA insieme per due conferenze di educazione finanziaria. In allegato...

    Iscrizioni: il 16% ha scelto di studiare economia

    Pubblicati sul sito del Ministero dell’Istruzione e del Merito a https://www.miur.gov.it/web/guest/-/iscrizioni-il-55-63-per-i-licei-trend-in-crescita-per-istituti-tecnici-e-professionali-br-filiera-4-2-valditara-interesse-significativo-delle-famiglie i dati delle iscrizioni alle prime classi delle Scuole secondarie per l’anno scolastico...

    Concorso EconoMia: CHI POSSIEDE LA CONOSCENZA

    Festival Internazionale dell’Economia di Torino  30 maggio – 2 giugno 2024 CHI POSSIEDE LA CONOSCENZA 

    COMMENTI RECENTI