martedì 7 Febbraio 2023
Altro
    Home Financial literacy L'educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale entra nella scuola

    L’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale entra nella scuola

    Convertito dalle Camere lo scorso 17 febbraio con la legge n.15/2017 il decreto-legge sulla tutela del risparmio. Un’interessante modifica dell’Art. 24 bis ha per la prima volta in Italia introdotto nel nostro Paese delle Disposizioni generali concernenti l’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale.

    Il testo di legge prevede l’adozione di una “Strategia nazionale per l’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale”, il coordinamento dei soggetti pubblici e privati attivi nel campo nel mondo della scuola e non solo, lo scambio di informazioni tra di essi con lo scopo di creare sinergie tra queste iniziative educative e il sistema nazionale dell’istruzione. E’ stato positivamente eliminato, rispetto alla prima bozza dell’articolo, il riferimento alla collocazione dell’educazione finanziaria nel contesto di Cittadinanza e Costituzione, che avrebbe rischiato di condizionare negativamente le attività nelle scuole in quanto Cittadinanza e Costituzione costituisce un’attività non curricolare, in quanto priva di un monte-ore definito, di docenti predisposti e di una valutazione a registro. Il testo di legge è sufficientemente snello. Costituisce un punto di partenza, che può consentire un aumento dell’efficacia dei progetti educativi. Per raggiungere questa finalità occorrerà però che le attività di educazione finanziaria, assicurativa a previdenziale siano sempre meno sporadiche, ma ben collegate a un più ampio rafforzamento degli studi economici, giuridici e aziendali in tutta la scuola italiana. E che inoltre, come recita il c. 10 della legge, siano individuati obiettivi misurabili, quindi tali da essere oggetto di specifici momenti di valutazione. Le prove OCSE PISA sulla financial literacy e le altre prove di valutazione obiettiva delle competenze, che si stanno diffondendo nelle scuole e nelle università, non fanno sconti a nessuno. 

    ARTICOLI POPOLARI

    Crescono i giovani economisti, crescono gli iscritti negli ITE e nei LES

    Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha pubblicato sul proprio sito i primi dati sulle iscrizioni online alle classi prime delle Scuole...

    L’intelligenza artificiale: un’ineludibile sfida per l’apprendimento (di Luisa Broli)

    In queste settimana è esploso il dibattito attorno all'uso dell'intelligenza artificiale nella didattica. L'articolo della prof.ssa Luisa Broli offre un prezioso contributo...

    Insegnare con l’utilizzo di chatbot

    E' possibile utilizzare i chatbot -per chi non li conoscesse sono software che simulano conversazioni umane che ormai molti siti utilizzano per...

    Finestra sul mondo

    Pubblicato il 30 gennaio l'articolo N. 44Una nuova rubrica sul sito La pandemia covid ha rappresentato uno shock per...

    COMMENTI RECENTI